sabato 7 gennaio 2012

Programma 101: Memory of the Future

Se le grandi aziende americane, l'IBM e gli altri non hanno costruito niente di simile, vuol dire che è un prodotto senza futuro”. Questa fu la tiepida accoglienza dei vertici della Olivetti quando gli fu presentata la Programma 101, il primo personal computer della storia, progettato dall'italiano Pier Giorgio Perotto tra il 1962 e il 1964.  (fonte: Il primo pc era italiano e ora diventa un film

Calcolatore P101. Il design è opera di Mario Bellini
Il piccolo calcolatore da tavolo con stampante integrata, dotato di memoria e capace di risolvere calcoli complessi aveva tutto l'aspetto di una grandissima innovazione, bastava paragonarlo ai computer del tempo; degli "armadi" costituiti da un insieme quasi caotico di luci, interruttori e cavi, governati da personale altamente specializzato con tanto di camice bianco. Eppure alla fiera di New York del 1965 (il BEMA show), l'Olivetti relegò l'invenzione dell'ingegner Perotto in un angolo seminascosto del padiglione, lasciando i posti migliori a delle semplici calcolatrici meccaniche. Di sicuro non si aspettavano che una marea di esperti del settore sarebbe accorsa da ogni dove per verificare le potenzialità di quel computer minuscolo, il P101, ribattezzato poi "perottina".  

"Tutti andarono a vedere questa macchina programmabile. Fu un successo clamoroso. Lo stand venne preso d'assalto, curiosi e addetti ai lavori formarono file interminabili e obbligarono gli organizzatori a predisporre un servizio d'ordine per regolare le entrate” (Norberto Patrignani)

Al successo ottenuto al BEMA si aggiunse una discreta riuscita commerciale data dalla vendita di quarantaquattromila esemplari, alcuni dei quali furono comprati dalla stessa IBM. Ma nonostante tutto l'Olivetti non comprese il valore dell'invenzione; non credeva che il computer potesse diventare un oggetto di uso domestico e considerò quell'episodio come un caso fortuito e isolato.
L'idea geniale c'era stata ma come spesso accade in Italia fu trascurata e messa da parte.

Il documentario Quando Olivetti inventò il PC realizzato da Alessandro Bernard e Paolo Ceretto e trasmesso su History Channel il 26 giugno 2011 racconta nel dettaglio tutta la vicenda.
Purtroppo posso proporvi solo i primi minuti.


Per approfondire:
- Programma 101: la rivoluzione mancata
- Olivetti P101, quando gli italiani erano Steve Jobs 
- Alle origini del personal computer: l'Olivetti Programma 101
- l'articolo del New York Times (pdf)

5 commenti:

  1. Che flashback!
    E' stata la mia prima esperienza di programmazione. Nel 1978 all'ITIS Carlo Zuccante di Mestre ce n'erano cinque o sei ed era la prima cosa che ci insegnavano a programmare. Ricordo vagamente un "B split giù, B Split su"... chissà cosa voleva dire! E una vota si è scatenato il panico in classe perché quando finiva la carta emetteva un sibilo minaccioso.

    RispondiElimina
  2. Quindi hai avuto la fortuna di utilizzarlo? Fantastico! E'un bel ricordo

    RispondiElimina
  3. Questo è uno dei motivi per cui credo che l'Italia ce la possa fare!

    RispondiElimina
  4. Ciao Lucy,

    mi chiamo Roberto e sono il fondatore de "Il Bloggatore".

    Ti invio questo messaggio per informarti di un'importante iniziativa che ho intrapreso.

    Sempre più gente sta acquistando con piacere l'ebook "WordPress dalla A alla W" e, al tempo stesso, mi chiede perché su diversi siti c'è poca documentazione in merito al blogging e all'attività di un blogger di successo.

    Non so se è effettivamente così. Certo, non è facile trovare informazioni chiare e organizzate come quelle racchiuse in un libro.

    Comunque, ho deciso di rimediare in qualche modo.

    Per questo motivo, vorrei chiederti di pubblicare sul tuo blog, sul tuo profilo facebook o twitter, o ovunque lo ritieni utile, un articolo sul libro "WordPress dalla A alla W".

    Puoi farlo in pochi secondi, eventualmente copiando e ripubblicando il contenuto presente in questa pagina: http://www.travagliante.com/wordpress-dalla-a-alla-w/ .

    Naturalmente, io ricambierò il favore, aggiungendo il tuo link ai blogroll dei miei 2 siti principali: Space4Tutorial.com e Travagliante.com.

    In tal modo, otterrai benefici dal punto di vista della popolarità presso i motori di ricerca (Google in primis) e aumenterai la tua link-popularity e il PageRank del tuo blog e/o sito web!!!

    Fammi sapere al più presto.

    Grazie anticipatamente!
    Roberto.

    RispondiElimina