domenica 9 gennaio 2011

Ancora sul nucleare

In merito alla diatriba pro/contro nucleare vorrei proporvi un articolo di Carlo Bertani. Lo riporto parzialmente qui di seguito.

"Nonostante la nostra non sia proprio una vita dorata: non abbiamo auto blu che c’accompagnano da un ospedale all’altro per cercare, almeno, di garantire delle condizioni di vita accettabili per i nostri cari, non abbiamo autisti che accompagnano a scuola i nostri figli su auto blu e nemmeno 19.000 euro il mese per fare il fancazzista in Parlamento…eppure, ci tocca occuparci di Chicco Testa, delle sue follie nucleari, delle sue menzogne, delle sue poi nemmeno troppo velate minacce[1] per chi lo contrasta.
Del suo compare Franco Battaglia c’eravamo già occupati anni fa, chiamati dal gestore del sito Progettomeg, dove Battaglia spadroneggiava falsando cifre e comunicando dati inenarrabili, per convenienza e disinformazione: bastarono un paio d’interventi, una sequela di dati e di fonti autorevoli per tacitarlo.

Veniamo allora al nostro “nuclearista di sinistra”, ex ENEL, ex un sacco di cose dove s’acchiappano soldi a palate, che adesso – doverosamente – si presta a fare la sua parte per sostenere il progetto nucleare di Sua Emittenza il Cavaliere, il quale ha perduto – purtroppo – il suo miglior scudiero: Scajola da Imperia, il quale fu scomunicato e privato dell’atomic Excalibur per aver conquistato senza gloria un castello da 900.000 euro.
Non faremo pubblicità a Chicco Testa, al suo sito ed al blog, che ha ignominiosamente aperto per mostrare quanto siano ingenui la maggior parte dei commentatori: un gioco arguto, al termine del quale il nostro Chiccolino cerca di dimostrare quanto siano ignoranti gli altri ed intelligente lui.
Provi ad incrociare la sua lama con i samurai, invece di prendersela con i contadini.

La solfa è sempre la medesima: com’è bello il nucleare, quanto costa poco e non inquina, le scorie non sono un problema, tanta energia a basso costo, risparmieremo tanta CO2 e così via. Una partita a scacchi, finanziata (da chi? ENEL ed EDF) che sembra così soft…" (Continua...)

Nessun commento:

Posta un commento