mercoledì 2 dicembre 2009

Non mi astengo dal raccontarvi...

Apriamo la rassegna di notizie con questa formula:
TxL+Pi+Po+Cr+S+U+H/radice quadrata di C
Giustamente vi chiederete che cavolo è...per saperlo visitate questo sito: Toybuyornot.
Altra notizia: ricercatori dell'Università di Chicago hanno effettuato sette diversi studi dai quali risulterebbe che, secondo i credenti, Dio la penserebbe come loro. Mi spiego meglio. Essenzialmente, hanno studiato l'attività cerebrale delle cavie mentre argomentavano sulle loro credenze e su quelle che attribuivano a Dio o ad altri personaggi. I dati dimostrano che quando si ragiona sui possibili pensieri o opinioni che potrebbe avere Dio si accendono le stesse aree cerebrali che si attivano ogni qual volta si ragiona sulle proprie (intendo dire opinioni, idee, credenze ecc.). Ecco perché alcuni ritengono di essere sempre nel giusto (del genere: il cielo stellato sopra di me, la legge morale dentro di me)...ma, vale solo per i credenti?


Notiziona nel campo dei computer quantistici, riguarda l'"osservazione della coalescenza bosonica"...e che sarà mai? Mi spiego meglio, anzi riporto le parole tratte dall'articolo: "Un esperimento ha dimostrato che è possibile clonare in modo ottimale l'informazione codificata nel momento angolare orbitale di un singolo fotone"...ci avete capito qualcosa? Io di sicuro no...perciò andiamo avanti. Sempre dall'Università di Chicago la scoperta: la solitudine è contagiosa, quasi come il raffreddore. Ci spiega Cacioppo: "Abbiamo rilevato un notevole schema di contagio che porta le persone a venire spostate verso gli angoli della rete sociale quando diventano sole...Alla periferia le persone hanno meno amici e la loro solitudine li porta poi a perdere via via quelli che erano rimasti...Prima di restare "tagliati fuori", le persone alla periferia trasmettono sentimenti di solitudine agli amici restanti, che tendono a diventare anch'essi soli. Questi effetti di rinforzo indicano che la nostra macchina sociale può consumarsi ai bordi, proprio come i fili dei bordi di un maglione" (qui il link). Aggiungerei che l'infezione si diffonde anche sul web...dopo aver letto le affermazioni di Cacioppo mi sono sentita subito dannatamente triste e sola e, come se non bastasse mi è tornata in mente questa mitica scena della Storia Infinita (ve la ricordate?):

Per ora il notiziario finisce qui. Faccio soltanto una piccolissima anticipazione su un tema che vorrei affrontare più in là e cioè i rapporti tra matematici e fisici con le persone dell'altro sesso. Lo scienziato, può essere anche un dongiovanni? Per sostenere la mia ipotesi porterò qualche piccolo aneddoto personale (senza fare nomi ovviamente) con la speranza che nessuno mi risponda con un post di fuoco del genere: i millemila controesempi che falsificano la teoria "matematico quindi bietolone". ;)

4 commenti:

  1. Non so se sia la stessa cosa, ma a fine ottobre parlavo di memoria di spin. Se il meccanismo di fondo è lo stesso, magari può chiarire un po'.
    Sono poi curioso riguardo il rapporto di matematici e fisici con l'altro sesso: ho il timore di essere il classico controesempio...

    Comunque, in generale, articolo bello e divertente!
    Potresti segnalarlo per il prossimo Carnevale della Fisica.
    E comunque io la ricordo la mitica scena de La storia infinita!

    RispondiElimina
  2. Effettivamente potrebbe trattarsi della stessa identica cosa...appena posso rileggerò con attenzione il tuo post e l'articolo originale della scoperta (mi pare che sia stato pubblicato sul Nature)....per quanto riguarda l'altro argomento sono un controesempio anch'io;)...

    Ti ringrazio tantissimo per i complimenti e accetto ben volentieri l'invito:)
    Ps.Ti dirò che da piccola quando vedevo la scena di questo film piangevo a dirotto...

    RispondiElimina
  3. L'unica scena per cui ho pianto a dirotto è stata la morte dell'amico di Lessie nel primo film: dopo di allora non ho più pianto per qualcosa che ho visto alla tv o al cinema.

    P.S.: si nota che sto recuperando da un po' di tempo passato lontano dal computer?

    RispondiElimina