venerdì 6 novembre 2009

Evoluzionismo vs creazionismo


Ringrazio Peppe per aver riportato questa interessante tanto quanto inquietante notizia.
Secondo "molti" (non si sa bene quanti, ma di sicuro non si tratta della totalità della comunità scientifica) scienziati l'"evoluzionismo" darwiniano è un "dogma" al pari del "creazionismo" biblico.
La cosa divertente è che scende in campo anche un fisico, Thomas Seiler, armato della assurda e quanto mai arbitraria convinzione di poter negare l'evoluzionismo grazie al "principio di entropia". Cito: "Il fisico tedesco Thomas Seiler mette il darwinismo alla prova della seconda legge della termodinamica, secondo la quale l’entropia, che può essere definita come il caos in natura, non può mai diminuire. E «l’ipotetico emergere della vita da processi materiali indiretti, come suggerito dalla teoria evoluzionistica, non è conforme» a questa legge. Ma anche «la successione di piccole variazioni genetiche che portano alla costruzione di un organo completamente nuovo tramite selezione naturale», prevista dal darwinismo, «è una processo da escludere di entropia decrescente»."
Mi sorge una domanda immediata: "perché il secondo principio della termodinamica non è conforme al darwinismo?", seconda domanda: "e il creazionismo sarebbe più conforme?". Forse Seiler potrebbe portarci come esempio Adamo ed Eva, che da creature pressochè perfette che erano, sono decadute allo stato attuale. In questo senso la cacciata dall'eden ha portato a un chiaro aumento di entropia.
Cito ancora: "Non a caso, nota Seiler, malgrado siano stati descritti più di 1,3 milioni di tipi di animali, «nessun organismo mostra segni di essere in evoluzione verso una complessità maggiore. Come previsto, l’entropia biologica non sta diminuendo». Insomma, la fisica stessa si ribella all’ipotesi darwiniana."
Ne seguirebbe che "la fisica stessa non si ribella al creazionismo"? L'idea che tutti gli esseri viventi siano stati creati così come li vediamo oggi nello stesso giorno da una Entità superiore sarebbe in accordo col secondo principio della termodinamica?
Ricordo che questo stesso discorso fu intrapreso da mio fratello e da un testimone di Geova, casuale compagno di viaggio, su un treno diretto a Roma. Io ascoltavo semplicemente, facendo finta di dormire. Ebbene, questo testimone di Geova, dopo aver saputo di avere a che fare con un dottore in fisica, si è dato ad un ampia dissertazione in difesa della validità della Bibbia come "testo di sapere scientifico" e contro la scienza comune che prendeva per buone la teoria della evoluzione darwiniana e la teoria del big bang (è abbastanza chiaro che se la teoria dell'evoluzione perdesse credibilità a favore del creazionismo, la stessa teoria del big bang diventerebbe una favola della buonanotte). Mio fratello gli ha parlato dell'esistenza dei fossili e lui, per tutta risposta ha detto che i fossili non sono altro che sassolini e ossa di povere bestie nate handicappate. C'è da considerare che il nostro interlocutore era un testimone di Geova un pò troppo estremista, se non proprio fanatico, ma non si trattava certo di uno scienziato.
Infine, cito: "La verità, banale e meravigliosa allo stesso tempo, è che, come scrive de Mattei, «dal punto di vista della scienza sperimentale, entrambe le ipotesi sulle origini, sia l’evoluzionista che la creazionista, sono inverificabili. Su questi temi ultimi non è la scienza, ma la filosofia, a doversi pronunciare»."
Credo che il nostro autore comprenda nella parola filosofia anche la teologia...la cosa è inquietante sul serio e deriva dall'ultima moda di mescolare scienza e fede, trovando compromessi forzati atti a smontare ogni possibile naturale antitesi tra i due saperi (vedi post).
Purtroppo, religione e scienza, il più delle volte, non vanno d'accordo e a maggior ragione, nel campo dei così detti temi ultimi o primi non c'è punto di incontro. Un discorso a parte meritano la morale e l'etica che giocano un ruolo importante nei dibattiti sulla bontà o sulla necessità di eseguire determinate ricerche in campo genetico, un esempio è la clonazione. L'affermazione che evoluzionismo e creazionismo siano parimenti inverificabili è una stupidaggine. Il prendere per "vere" le affermazioni di un fisico esaltato è quanto mai assurdo. Non spetta al dott. Seiler dare giudizi sull'evoluzionismo perché non è il suo campo e a volte capita che i fisici pecchino un pò troppo di presunzione.

5 commenti:

  1. Prego. La discussione entropicamente s'evolve ...

    RispondiElimina
  2. no...direi che evolve deterministicamente...

    RispondiElimina
  3. Ciao e complimenti per blog. Vorrei proporti un scambio link se se d'accordo contattami.

    [Re]write di Giovanni Greco
    http://www.giovannigreco.eu

    RispondiElimina
  4. Ciao Giovanni. Grazie mille:)

    RispondiElimina
  5. Ok ti ho inserito nella lista dei blog e siti amici...
    A presto
    [Re]write di Giovanni Greco
    http://www.giovannigreco.eu

    RispondiElimina