sabato 22 agosto 2009

Addio Luna!

La Nasa è in crisi, pare che non ci sia alcun dubbio. L'ultima parola sarà del presidente Obama.
In effetti i segnali si avvertivano. La stessa celebrazione dei quarant'anni dal primo allunaggio, i concorsi, tipo quello "vinci un pezzo di Luna", le "foto" dei siti lunari dove l'uomo ha poggiato per la prima volta il suo piede, tutte queste cose avevano un pò l'aspetto di un disperato tentativo di attirare il pubblico. Possibile che i viaggi sulla Luna non esercitino più alcun fascino? Che l'avventura dell'uomo nello spazio sia già conclusa? ...tra l'altro, ancora prima di cominciare!
L'ex presidente Bush aveva affermato:"sulla Luna entro il 2020 e su Marte entro il 2050". Pare invece che non ci sarà nessun nuovo sbarco sulla Luna prima del 2028 (o forse mai).
"La Nasa non ha i soldi per fare quello che vorrebbe fare, e non saprebbe che cosa fare neppure se avesse i soldi", parole amare.
Probabilmente sparirà il mestiere dell'astronauta e le missioni verrano lasciate in mano a robot sempre più sofisticati. Se la situazione non migliora, la Nasa verrà lentamente privatizzata o smantellata del tutto.

Fonte: Se Obama stacca la spina alla signora delle stelle
Houston ha un problema. Nessuna impresa prima del 2028

Nessun commento:

Posta un commento