domenica 12 luglio 2009

Il mantello invisibile e le ultime illusioni

Un dispositivo in grado di creare delle illusioni visive potrebbe essere utilizzato, un giorno, per nascondere gli aerei militari o creare "buchi" nelle pareti solide.
L'idea si basa sulle proprietà ottiche dei "metamateriali" che possono deviare il normale cammino della luce quando incontra un oggetto.
Nel 2006, i ricercatori, avevano già utilizzato questa idea per creare un "mantello di invisibilità" (si tratta di dispositivi mascheranti detti cloaking device) in grado di piegare le onde elettromagnetiche intorno ad un oggetto, come l'acqua che scorre attorno ad una pietra, per poi riprendere una traiettoria normale. Qualsiasi oggetto, inserito all'interno di questo "mantello", è effettivamente invisibile.
Sembrerebbe che adesso si sia fatto un ulteriore passo avanti. Secondo quanto afferma Che Ting Chan, fisico presso l'Università di Hong Kong, gli oggetti possono diventare trasparenti o addirittura simili ad altri oggetti. Un mero gioco di distorsioni che in teoria funziona, in pratica, ci sono diversi inconvenienti ingegneristici da superare. Altra cosa interessante: la tecnica potrebbe essere usata per modificare le proprietà ottiche di un materiale opaco, permettendo alla luce di passare da un lato all'altro. Tutto ciò porterebbe a un dispositivo in grado di creare buchi in una parete, permettendo quindi di vedere cosa c'è dall'altra parte (una vera pacchia per i "guardoni"), ma, siamo ancora ben lontani da questo.

Vedi: Physical Review Letters, vol 102, p 253902
Fonte: NewScientist

Nessun commento:

Posta un commento