martedì 21 luglio 2009

Come si "rompe" una goccia di pioggia

Lo studio è stato pubblicato sull'ultimo numero della rivista Nature Physics ed è opera di un team francese. La scoperta riguarda le gocce di pioggia che, a differenza di quanto si credeva in passato, si disintegrano ancora prima di toccare il suolo.
Le immagini sono state riprese grazie ad una telecamera ad alta risoluzione (il video lo trovate sul sito del corriere della sera). La goccia di pioggia, formatasi nella nuvola, ha una forma perfettamente sferica, poi, durante la caduta tende ad appiattirsi e a causa della resistenza dell'aria si schiaccia sempre più nella sua parte inferiore fino a gonfiarsi ed infine esplodere in goccioline piccolissime.

Sembrerebbe che sia stata data risposta ad un annoso quesito: "perché le gocce di pioggia hanno tutte forme differenti?"...e la risposta è stata fornita da Emmanuel Villermaux e Benjamin Bosso dell'Università di Marsiglia.
La grandezza della goccia dipende poi da svariati fattori come l'altezza di caduta e la velocità del vento.

Grazie a questo studio, come ci spiegano gli stessi ricercatori, si può comprendere come mai, quando si spruzzano pesticidi, buona parte di essi vada sempre a finire nel terreno del vicino.

Fonte: http://www.corriere.it/scienze_e_tecnologie/09_luglio_21/pioggia_scoppia_prima_di_toccare_suolo_86cf2586-75cb-11de-95fa-00144f02aabc.shtml

http://www.nature.com/nphys/journal/vaop/ncurrent/abs/nphys1340.html

Nessun commento:

Posta un commento