domenica 5 gennaio 2014

Marble Adding Machine


Si tratta di un calcolatore binario meccanico, alimentato dalla gravità, che utilizza leve e canali di legno per contare.

Matthias Wandel, famoso sviluppatore di software canadese,  trascorre il suo tempo libero in modo del tutto originale, realizzando degli strani marchingegni di legno che si trovano a metà strada tra il giocattolo e l’opera ingegneristica. Una delle sue creazioni più popolari è la macchina rappresentata nel video soprastante, la “six-bit binary adding machine”, il cui funzionamento, a differenza delle altre sue opere un po’ più evolute e complesse, è molto intuitivo. Come ci spiega Rick Regan, informatico e autore del blog Exploring Binary, la macchina funziona come un circuito integrato low-tech: "essa utilizza il legno al posto del silicio, la gravità invece della tensione, e le biglie di vetro al posto della corrente ".

I started building marble track machines years ago using Lego. I experimented with all sorts of crazy ways for the marbles to descend. One was a rocker that shunted a stream of dropping marbles one-by-one to alternating sides. If you cascade three of these toggles down to the left, every marble flips the rightmost toggle, every second marble flips the middle toggle, and every fourth flips the leftmost. Interpret each toggle’s state as left = 0 and right = 1, and you have a binary counter. Add more toggles, and it can count more. (fonte: makezine.com)

Il visionario ingegnere non si ferma certo qua. La sua intenzione è quella di arrivare alla costruzione di un computer vero e proprio adoperando legno, biglie e dei semplici elementi logici come ad esempio il “flipflop” (il bilanciere che controlla il flusso delle biglie), presente in tutte le sue marble machines e il cui funzionamento è spiegato nei dettagli in questa pagina

Per approfondire:

Questo post è stato scritto in occasione del Carnevale della Matematica numero 69 che avrà luogo il prossimo 14 Gennaio sul blog Matem@ticamente di Annarita Ruberto

sabato 28 settembre 2013

Visual Elements Periodic Table

La tavola periodica interattiva proposta dalla RSC (Royal Society of Chemistry) è una "figata" pazzesca. L'ho scoperta quasi per caso mentre mi scervellavo sulla scelta di una rivista adatta per sottomettere un articolo. L'immagine che segue (la "Visual elements Images") è opera di Murray Robertson. Rappresenta l'origine o l'utilità di un dato elemento.
http://kwout.com/cutout/9/cv/2v/7gy.jpg
Puntando il mouse sulle figure appare la spiegazione della simbologia utilizzata, ad esempio, l'europio (1901), viene rappresentato dal simbolo dell'euro mentre l'antimonio, il mascara degli antichi Egizi, dall'occhio di Horus (il dio Falco). La tavola periodica vera e propria, che trovate su questa pagina, descrive tutti gli elementi indicando anche il livello di tossicità. Si possono creare dei filtri, evidenziando i metalli o, che so, i lantanidi. Si può vedere lo stato degli elementi a temperature differenti (per questo basta spostare il cursore della temperatura), mentre le altre pagine riportano informazioni storiche, podcast o video, realizzati sempre da Murray Robertson, utilities varie e altre curiosità, come la pagina dedicata all'antica alchimia.
http://ectn-assoc.cpe.fr/news/letter/2011/11/4.RSC_Periodic_Table.jpg 

http://www.meta-synthesis.com/webbook/35_pt/RSC_Alchemy.png

Per altre risorse o materiale adatto all'insegnamento della chimica potete recarvi su RSC - Learn Chemistry